La Ruota della Vita è uno strumento che si utilizza nel coaching e nella formazione per fare il punto della situazione e definire le aree di criticità su cui operare.

Alla fine di questo articolo, ti darò le istruzioni per compilare la tua Ruota della Vita, ma prima voglio spiegati perché è importante usarla.

Ti sei mai domandato/a perché, anche se hai ottenuto molto nella vita, non sei felice? Altri al tuo posto salterebbero di gioia, ma tu no.

Ti sei chiesto/a cosa c’è che non va, esattamente?

Quando siamo insoddisfatti nella vita, vuol dire che qualche aspetto non combacia con le nostre aspettative, con i nostri desideri più profondi.

Magari ti senti al top, per quanto riguarda la carriera o la vita sociale, sei stimato/a  dai tuoi amici e colleghi, i tuoi genitori sono soddisfatti di te, i tuoi figli sono sani e belli, hai una moglie o un marito fedele, eppure …

Eppure c’è qualcosa che non va, e non sai definire cosa.

Magari stai trascurando qualche aspetto per te importante, senza saperlo. E’ facile perdersi nella frenetica routine quotidiana e tralasciare alcune parti importanti della nostra vita.

Troppo spesso ci gratifichiamo concentrandoci ciò che sappiamo fare meglio e cerchiamo di nascondere quel senso di insoddisfazione strisciante che non siamo in grado di definire con esattezza.

L’essere umano ha la tendenza a focalizzarsi nelle aree dove “riesce meglio” e dove trova maggiore immediata gratificazione. Magari, per fare questo, stai tralasciando la tua salute, le tue amicizie, oppure la tua crescita personale o ancora la tua crescita spirituale.

Lo psicologo statunitense Abraham Maslow negli anni ’50 del secolo scorso definì una priorità di bisogni nell’essere umano, che vennero sintetizzati graficamente in una piramide (detta appunto Piramide dei Bisogni di Maslow)

In cima alla piramide, catalogati nei bisogni del sé, ci sono anche i nostri bisogni spirituali.

Maslow diceva che, una volta soddisfatti i bisogni primari, l’essere umano aveva la tendenza a spostarsi verso desideri di livello superiore. Diceva altresì che era impossibile essere felici ed appagati se alcuni dei bisogni di livello inferiore rimanevano insoddisfatti.

La visione di Maslow, così come l’ho sintetizzata, può apparire semplicistica, ma ascoltami bene: si può essere veramente felici se siamo ricchi e famosi, ma ci manca la salute? Puoi negare che avere una famiglia (comunque tu la intenda) sia un bisogno fondamentale di ogni essere umano?

Quando parliamo di intimità sessuale, possiamo anche semplicemente intendere tenerezza e coccole, vicinanza fisica e calore umano … Ognuno di noi ha i suoi valori e principi, i suoi parametri e i suoi pesi per ognuno di questi fattori. Quali sono i tuoi?

Oppure sei di quelli che hanno soddisfatto tutti i bisogni primari, ma senti che ti manca qualcosa ancora, nella vita: prova allora a dare un’occhiata ai livelli superiori.

Non fare lo struzzo, togli la testa da sotto la sabbia! Se sei insoddisfatto, quale aspetto della tua vita stai dimenticando di affrontare?

E qui entra in azione la nostra Ruota della Vita. Uno strumento visuale che aiuta a fare immediatamente chiarezza. Sulla ruota della vita sono indicati i principali bisogni umani.

La ruota ha dei raggi (delle tacche) per ogni aspetto che vanno da 1 a 10. Colora la ruota in base al tuo grado di soddisfazione per ogni singolo elemento, così.

Munisciti di uno o più pennarelli (poi colorare ogni singolo raggio con tinte differenti). Le aree che mostrano un gap maggiore (cioè un minor grado di soddisfazione) dovrebbero essere quelle su cui agire con priorità.

Una Ruota equilibrata dovrebbe presentare un andamento omogeneo, un grado di soddisfazione più o meno uguale in tutti gli aspetti per te importanti nella tua vita.

On-line puoi trovare moltissime ruote, da scaricare e compilare a tuo piacimento. Ne troverai anche di vuote (blank) così da poter inserire i tuoi personali bisogni.

La ruota può essere utilizzata anche in famiglia, per capire come ogni membro percepisca la realtà famigliare e per trovare vie di miglioramento tutti assieme. Si può creare una mappa condivisa, con questi item ad esempio: comprensione, dialogo, tempo libero, amore, rispetto, collaborazione, etc.

Se si un imprenditore, puoi utilizzare la Ruota personalizzandola con i singoli aspetti della tua attività lavorativa, inserendo questi aspetti: liquidità finanziaria, utile, fatturato, clienti, clima aziendale, organizzazione, etc.

Puoi utilizzare, inoltre, la Ruota con i tuoi dipendenti per comprendere il loro grado di soddisfazione aziendale, inserendo ad esempio: motivazione, soddisfazione, retribuzione, clima aziendale, crescita professionale, etc. (si, lo so, può essere “pericoloso” chiederglielo: dipende da te capire se vuoi sapere veramente cosa pensano i tuoi dipendenti).

Ricorda sempre che il tuo benessere è collegato alle aspettative che hai nei verso te stesso, verso gli altri e verso la vita in generale.

Se sei insoddisfatto/a vuol dire che non c’è corrispondenza tra ciò che vuoi e ciò che hai. E’ questo gap che genera la tua frustrazione.

Ora che sai dove sta il problema, hai tre alternative:

  • Dare la colpa a qualcun altro per questa tua situazione;
  • Fare tutto il possibile (e intendo tutto) per cambiare la situazione attuale;
  • Modificare le tue aspettative (o i tuoi piani).

Ti sconsiglio vivamente di optare per la prima soluzione. Dare la colpa ad altri della tua insoddisfazione non servirà a migliorare il tuo stato, né ora ne mai. La tua felicità dipende solo da te. Se ritieni che altri ti rendano infelice, allora cambia le persone che frequenti o cambia il rapporto che hai con loro. Sempre da te, dipende.

Per quanto riguarda i punti 2 e 3 è possibile anche attuare una via di mezzo tra i due approcci: possiamo ridimensionare le nostre aspettative (o piani) e nel contempo fare del nostro meglio per raggiungerli.

Talvolta le aspettative (o piani) vanno rivisti perché fatti di standard troppo elevati, magari imposti dall’esterno, frutto di condizionamenti altrui o culturali. In altri casi i piani vanno ristrutturati in virtù di cambiamenti imprevisti, sia esterni che interni. Noi cambiamo, il mondo cambia assieme a noi: perché mai non dovrebbero cambiare anche i tuoi piani?

Impara ad essere felice, impara ad essere flessibile, impara a dare del tuo meglio per ciò che è veramente importante. Buone riflessioni affinché tu possa trovare ciò che cerchi nella vita.

 

Luisa Querci della Rovere

Life, Business & Career Coach – Formatore e Consulente Aziendale

www.progettoschola.com